Endoscopia animali

La clinica veterinaria Galilei esegue esami endoscopici sia per la diagnostica che per l’esecuzione di interventi terapeutici. La specificità dei risultati di questo tipo di esame consente di individuare e curare patologie importanti dell’animale.

Nella struttura si effettuano esami di:

  • Otoendoscopia per diagnosi e trattamento di disturbi a carico dell’orecchio
  • Gastroscopia per diagnosi e trattamento di disturbi allo stomaco
  • Colonscopia per diagnosi e trattamento di disturbi del colon e retto
  • Rinoscopia per esplorare l’interno delle cavità nasali

L’endoscopia è una tecnica diagnostica che, grazie ad uno strumento munito di videocamera digitale (Videoendoscopio) o attraverso le fibre ottiche (Fibroendoscopio), rigido o flessibile, consente la visualizzazione diretta di parti del corpo altrimenti esplorabili solo con procedure chirurgiche. Con questa tecnica è quindi possibile osservare l’immagine sul monitor, realizzare foto, filmati, ma anche effettuare prelievi bioptici o rimuovere corpi estranei. L’esame viene eseguito con l’animale in anestesia generale. La tecnica non è invasiva, c’è assenza di dolore, il paziente non avrà ferite e consente una diagnosi precisa con trattamenti mirati.

Otoendoscopia: diagnosi e trattamento

Il paziente con sospetta patologia a carico dell’orecchio (prurito, scuotimento della testa, eritema del padiglione auricolare, etc.) viene sempre sottoposto a visita e, come prima procedura, all’esame con otoscopio, che permette al medico di valutare il condotto auricolare e di individuare l’eventuale presenza di corpi estranei quali parassiti (con l’ausilio della citologia e non), neoformazioni a carico della parete del canale auricolare esterno e la presenza di essudato di varia natura.

Tuttavia questo semplice esame non permette di valutare sufficientemente la membrana timpanica o di vedere una possibile contemporanea otite dell’orecchio medio. Per una migliore valutazione del canale auricolare, della membrana timpanica e dell’orecchio medio in caso di rottura del timpano, si è introdotta anche in medicina veterinaria la video-otoscopia, che ha rivoluzionato l’approccio alle patologie dell’orecchio. La video-otoscopia è una branca dell’endoscopia che permette di visualizzare su uno schermo le strutture anatomiche indagate. L’esame si esegue in anestesia generale ed è indicato negli animali che soffrono di:

  • otiti esterne acute e gravi con sospetto di corpo estraneo
  • otiti esterne croniche o ricorrenti
  • neoformazioni a carico del condotto auricolare esterno
  • otite media
  • rottura della membrana timpanica
  • polipi infiammatori del gatto

Questa procedura si può inoltre utilizzare non solo a fini diagnostici, ma anche terapeutici: con questa tecnica, infatti, è possibile effettuare una pulizia profonda e precisa del canale auricolare e dell’orecchio medio.

Ecco un video relativo a questa pratica.

Gastro e colonscopia

Si tratta dell’applicazione della tecnica endoscopica al tratto gastroenterico. Con la gastroscopia è possibile indagare orofaringe, esofago, stomaco, duodeno e retto, colon, cieco. In questo modo si esplora, senza intervento chirurgico sull’animale, la mucosa e il contenuto di tali organi. Inoltre, durante l’esame, è possibile eseguire prelievi bioptici dei vari tratti dell’apparato e sottoporli ad esame istologico. Con la giusta attrezzatura si possono rimuovere corpi estranei esofagei o gastrici (ad esempio palline, sassi, etc.), ma anche alcuni tipi di polipi del retto o del colon.

Per svolgere l’esame gastroscopico sull’animale è necessario un digiuno di 24 ore e la sospensione di farmaci antiemetici. Per una colonscopia, invece, il digiuno è di 36 ore e bisogna somministrare per bocca lassativi 48 ore prima ed eventualmente eseguire clisteri.

Rinoscopia

La rinoscopia è una tecnica non invasiva che permette di esplorare l’interno delle cavità nasali. L’esame rinoscopico sugli animali consente anche di effettuare biopsie e rimuovere corpi estranei (come ad esempio spighe, forasacchi, etc.). La procedura permette anche il trattamento di tumori nasali, l’instillazione intranasale di antifungini e il lavaggio delle cavità nasali dell’animale.

Colpocistoscopia coniglio